Poesie

Poesie

by

, poesia, Poetry

Quando, nel 1958, Rodolfo Wilcock si stabilì in Italia, aveva già pubblicato a Buenos Aires sei raccolte di liriche e vi era noto come un giovane scrittore della cerchia di J.L. Borges. Allora, in brevissimo giro di tempo, Wilcock cambiò insieme lingua e pelle: e riapparve come un poeta che immetteva nella lirica italiana un inaudito timbro agrodolce, una maestria alessandrina, una capacità di sprezzatura tale da spingerlo – una volta «letti tutti i libri» – a tentare le rime più antiche, più elementari, più proibite. Come Kavafis, come Penna, Wilcock è stato uno dei rari poeti moderni che abbiano saputo comporre un canzoniere d’amore (si veda lo stupendo Epitalamio o l'Italienisches Liederbuch). Come il suo maestro Borges, Wilcock ha talvolta scelto di enunciare in versi i più acuminati aforismi, così reinventando una sua poesia gnomica. Letta oggi in questo volume, che la comprende in tutto l’arco, da Luoghi comuni (1961) sino a un gruppo di limpide poesie postume (e con l’aggiunta di una scelta dalle Poesie spagnole), l’opera poetica di Wilcock in italiano apparirà come la zona più segreta e felice di una multiforme attività di scrittore: appartata, fuori da ogni ‘linea’, naturalmente elegante, alleggerita da sempre di ogni zavorra ideologica (l’amato Wittgenstein serviva a Wilcock come barriera contro la banalità mentale), essa testimonia di una rara sapienza letteraria e di una ancor più rara saggezza psicologica, quella che «non è un dono degli anni / bensì una qualità aristotelica / che si ha o non si ha fin dalla nascita, / un equilibrio fra il fattibile e l’impossibile, / una conoscenza previa alla conoscenza». Ed era appunto quella saggezza che permetteva a Wilcock, sempre parlando con le sue parole, una «gioiosa e melanconica accettazione / dell’umana effimera fantastichezza».

Title:Poesie
Edition Language:Italian
ISBN:9788845904257
Format Type:

    Poesie Reviews

  • Cosimo

    Tutti scompaiono mentre dormono, tu no“Spazio: Nella mia stanza non c'è nulla/tranne il fonografo e un letto; e anche nel cuore non c'è nulla/tranne un figlio da me diverso./Così c'è spazio per ...

  •  amapola

    Non è la più bellaNon è neanche la più profondaE nemmeno la più altaperò è la mia preferita.A chi da quest’orecchio non ascoltaLa tua casa è sola,sporca e bianca nel sole,e io che mi domando...

  • Maurizio Manco

    "Ogni uomo è una spira, e su ogni puntodella spira ha il suo centro un’altra spira,e così all’infinito, ch’è appunto l’uomoinanellato di tutte le sue possibilità."(L’uomo allo stato dett...